martedì 19 novembre 2013

Blues


http://www.flickr.com/photos/oprisco/6169385232/in/photostream/
La sera viene presto d’autunno, talmente veloce che sali di giorno sul bus e ne scendi di notte poco dopo, 
 
è un fare strano quello di novembre, hai  le spalle ormai piegate di stanchezza annuale e soltanto l’estate potrebbe tirarti l’amo e fartene uscire, invece...
la luce si fa avara, il freddo ti stritola dentro maglioni infeltriti.
 
e le tue mani. quelle sono di luglio e agosto, calde, premurose, dolci come meloni. aspettano in un’ altra stanza, che non è mai di casa mia. sanno spezzare per ore l’incantesimo della serietà, sanno di teatro e magie ridenti. 
e l’altra stanza, tutte le stanze, quelle in cui ti trovo, rallentano il tempo e ballano il blues per trattenermi dentro un sorriso sfiorandomi appena.