martedì 21 gennaio 2014

windows 6.9

stretta nel vicolo
dei pensieri accidentati
cerco finestre da scavalcare
per infilarmi in altri dove

il sonno sobbalza con gli acuti della sveglia
mi desto ogni mattina
in una stanza diversa
con odori nuovi e colazioni sorprendenti,
perché le finestre vanno varcate
con coraggio e follia

una soltanto di quelle,
attraversate tutte quante,
mi porterà nella casa colorata
coi soffitti affrescati
e il pavimento di caldo legno
dove ogni abbraccio sarà come nuovo
dove ogni bacio finirà solo quando inizia il successivo